Vuoi creare il tuo archivio con Project Marta?

Contattaci

Martin Boyce

Nato nel 1967 ad Hamilton, in Scozia, Martin Boyce oggi vive e lavora a Glasgow. Si è laureato in arte ambientale nel 1990 alla Glasgow School of Art, dove a seguire ha conseguito un MFA nel 1997. Boyce è un artista neo minimalista, realizza sculture e installazioni che indagano poeticamente le connessioni tra arte, architettura, design e natura.

In particolare, è interessato all’esperienza psicologica di uno spazio, da cui viene ispirato quando deve creare nuove opere, ed alle manifestazioni materiali del tempo che passa.
Si appropria delle forme del design e di oggetti quotidiani come di ambienti interni e esterni, per scomporle, distorcerle ed astrarle, creando composizioni architettoniche equilibrate ma non immediatamente riconoscibili, anche se le percepiamo come familiari. L’artista ha raccolto un immenso archivio di opere fotografiche cui fa riferimento e che argomentano le sue ricerche e le sue manipolazioni stilistiche. In particolare dal 1997 le sue sculture fanno riferimento direttamente ad una selezione di oggetti di design specifici, tra cui gli Eames Storage Units, la serie di sedie Jacobsen, gli alberi di cemento del giardino di Joel e Jan Martel, il tavolo della Casa dello studente di Prouvé.

Esposizioni: Martin Boyce: When Now is Night, New York, 2016; Martin Boyce: In Praise of Shadows, Johnen Galerie, Berlin, 2012; Turner Prize Baltic Centre for Contemporary Art Gateshead, UK, 2012;

 Martin Boyce and Ugo Rondinone: We Burn, We Shiver at SculptureCenter New York, 2008;  This Place is Close and Unfolded at Westfalischer Kunstverein in Munster, Germany, 2008; Out of This Sun, Into This Shadow at Ikon Gallery Birmingham, UK, 2008; A Lost Cat and Alleyways, Back Gardens, Pools and Parkways at Centre d’Art Contemporain Genève, 2007; For 1959 Capital Avenue, Museum für Moderne Kunst, Frankfurt, 2002; and Our Love is Like the Flowers, the Rain, the Sea and the Hours at Tramway, Glasgow, 2002.

Nel 2011 ha vinto il Turner Prize, e nel 2009 Boyce aveva rappresentato la Scozia alla 53° Biennale di Venezia con un padiglione personale dal titolo No Reflection.

Opere di Martin Boyce

Open (The End)

Martin Boyce
2010  

Vuoi tutelare le tue opere con Project Marta?

CONTATTACI