Stampa lambda

La Stampa Lambda porta questo nome perchè viene realizzata per mezzo di una stampante Lambda, basata sull’utilizzo di un 3-laser a colori (RGB) che trasferisce immagini di altissima qualità su carta fotografica lucida e opaca, ma anche su Ilfoflex e Cibachrome, Cibaclear e Cibatrans.

La Stampa Lambda si esegue in due fasi: in primo luogo si scansiona l’immagine che si vuole stampare con una fotocamera che raggiunge una risoluzione di 1,11 miliardi di pixel laddove le fotocamere professionali arrivano a circa 5 milioni di pixel. Una scansione dura 30 minuti circa e l’immagine acquisita risulta essere un file in alta definizione di 300MB. A questo punto avviene la stampa vera e propria mediante la Lambda, il cui 3-laser trasferisce l’immagine su supporto fotografico con una tale precisione da gestire un pixel alla volta, garantendo la qualità di stampa più alta sul mercato, ovvero 68 miliardi di colori. Inoltre, il processo di stampa è rapido, se si considera che su carta fotografica procede a circa 65 cm al minuto per risoluzioni da 2000 a 4000 DPI, ovvero una qualità di molto superiore alle stampanti a getto di inchiostro ed elettrostatiche.

La stampa su materiale fotografico garantisce una notevole stabilità e intensità del colore nel tempo, stimata – in condizioni di illuminazione pari a quelle museali, dove lo standard è di 150 lux – di oltre centocinquant’anni.

Le stampe Lambda hanno limitazioni in termini di dimensioni, su carta fotografica possono essere larghe fino a 125 cm e lunghe fino a 50 metri, mentre gli altri supporti – ad esempio la tela – arrivano al massimo a 30 metri.

Opere realizzate in stampa-lambda

L’ascolto

Maura Banfo
2016  

Vuoi tutelare le tue opere con Project Marta?

CONTATTACI