Vernice

Vernice è un nome generico per definire un rivestimento esterno che asciuga per evaporazione o un solvente, ed è conosciuta come pittura o smalto se contiene pigmenti coloranti che la rendono opaca.

Si tratta di un materiale costituito da un componente filmogeno con caratteristiche adesive, meglio conosciuto come legante, da un solvente che lo rende fluido e da un agente plastificante che ne migliora le caratteristiche elastiche nel momento dell’essicazione. Una vernice di base può contenere additivi quali diluenti, plastificanti, coloranti che, stesi sulla superficie, solidificano formando una pellicola sottile, resistente ed elastica, con funzioni protettive oltre che estetiche.

Il processo di formazione della pellicola dipende essenzialmente dalla natura del componente filmogeno, in quanto possono essere utilizzati oli siccativi (olio di lino cotto), resine naturali (copale), cellulosa e alcune resine sintetiche (acriliche, viniliche, poliestere, fenoliche, epossidiche, poliuretaniche).

A seconda del supporto sul quale si intende stendere una vernice, deve essere scelto un prodotto specifico, per evitare di creare una pellicola non traspirante che in breve tempo si fessura, si solleva e si sfoglia. Esistono prodotti specifici per il metallo, il gesso, il cemento, la muratura, la plastica o il legno, da scegliere in base alla collocazione del manufatto (interno o esterno).

Vengono prodotte vernici cellulosiche, isolanti, per l’elettrotecnica, ignifughe e protettive.

In termini conservativi, le laccature resistono meno all’influenza della luce ultravioletta (UV), così come le vernici contenenti resine alchidiche, ovvero gli smalti, poichè il legante impiegato tende a scolorire.

 

 

Opere realizzate in vernice

Elektronskal

Alberto Tadiello
2011  

Il tempo dei luoghi

Maura Banfo
2016  

Vuoi tutelare le tue opere con Project Marta?

CONTATTACI