Vuoi ricevere maggiori informazioni su questa opera?

Clicca il tasto qui sotto e compila il form con i tuoi dati.
Il nostro team si metterà in contatto con te per darti tutte le informazioni che stai cercando.

Richiedi Scheda Tecnica Project Marta

Love me

Autore:

Anno:   

Galleria:   
Materiali:

Love Me si colloca agli albori della carriera artistica di Sarah Lucas in un momento di forte fermento creativo e personale durante il quale l’artista stava valutando le possibilità espressive offertole da diversi materiali – calze di nylon, kapok, tabloids. L’opera rappresenta la parte inferiore di un corpo femminile languidamente adagiato su una piccola sedia di legno, di seconda mano. Il manufatto è una scultura polimaterica costituita da diversi materiali atipici: all’interno della scultura vi è un’armatura in fil di ferro, ottenuta attorcigliando una barra prelevata dalle gabbie comunemente utilizzate nell’allevamento del pollame, l’armatura viene poi inserita all’interno di un collant da donna in nylon imbottito con il kapok, una fibra naturale molto leggera. La parte interna dell’opera risulta invisibile a causa del mosaico di ritagli, raffiguranti occhi e bocche femminili, con cui è stata ricoperta.

Le immagini prelevate da riviste e tabloids contemporanei risultano un elemento distintivo della poetica artistica di Lucas, in Love Me la fusione fra le immagini e la posizione divaricata delle gambe apre ad una potente correlazione fra superficie e forma, la quale suggerisce, allo stesso tempo, sottomissione e fatica sessuale e una concezione psicoanalitica del corpo femminile in cui si pone l’accento sull’intercambiabilità fra bocche e orifizi sessuali e occhi e l’atto sessuale stesso.

Love Me è inoltre intimamente legata ai due lavori successivi, realizzati dall’artista nel 1999, Hysterical Attack (Mouth) e Hysterical Attack (Eyes). Le due sculture Hysterical Attack presentano la stessa forma e tipologia di materiali di Love Me ma se ne discostano in quanto a rifinitura superficiale: Hysterical Attack (Eyes) risulta infatti ricoperta da solo ritagli di occhi mentre Hysterical Attack (Mouth) presenta solo frammenti di bocche femminili.

Estratti dall’intervista a Sarah Lucas:

“Le tre sculture sono strettamente connesse alla serie delle Bunny ma se ne discostano in quanto materiali e contenuti. Love Me è una precoce variante del modello delle Bunny ed è il punto di partenza per i due lavori successivi Hysterical Attack (Mouth) e Hysterical Attack (Eyes)”.

“La correlazione fra le immagini rappresentate nel collage e la posa divarica delle gambe pone le basi per una potente interazione fra superficie e forma – le sculture sottolineano l’intercambiabilità fra bocche fra bocche e orifizi sessuali e fra sguardo e l’atto sessuale stesso. In questo modo, le tre sculture esprimono una maggiore concezione psicoanalitica del corpo femminile rispetto alle Bunny”

L’intervista è stata eseguita all’interno del progetto di tesi magistrale della restauratrice Fabiola Rocco, in collaborazione con il Centro di Conservazione e Restauro La Venaria Reale e la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino.

Vuoi tutelare le tue opere con Project Marta?

CONTATTACI