Vuoi ricevere maggiori informazioni su questa opera?

Clicca il tasto qui sotto e compila il form con i tuoi dati.
Il nostro team si metterà in contatto con te per darti tutte le informazioni che stai cercando.

Richiedi Scheda Tecnica Project Marta

Senza Titolo Resina – Ël De Reja

Autore:

Anno:   

Galleria:   
Materiali: ,

Senza Titolo Resina – Ël De Reja è una scultura che fa parte di una serie di opere in resina presentata per la prima volta in occasione della della 53esima Biennale di Venezia del 2009 per la mostra al Padiglione Italia a cura di Luca Beatrice e Beatrice Buscaroli

La prima opera presa in esame per schedare questa serie è stata realizzata nel 2009, è alta 260 cm, pesa 80 kg comprensiva di base – che è parte integrante dell’opera – e raffigura un uomo dritto in piedi, le braccia abbandonate lungo i fianchi, il viso ricoperto di resina scura.

Si tratta di un’opera scolpita nel legno di cedro sul cui viso successivamente è stata scaldata e colata della resina.

Questo lavoro è stato letto come una coerente, continua espressione della riflessione di Demetz sul concetto di mescolamento e ricombinazione formale tra figura umana e ambiente naturale.

L’impressione generale, data anche da una leggera presenza olfattiva, è che il corpo sia in qualche modo alieno. Queste sue opere sono considerate metafore di martiri, sangue, lacrime e sofferenze. 

Estratti dall’intervista ad Aron Demetz:

“Il legno è una materia perennemente viva, ed ha la capacità di evolversi, mutare e rinnovarsi in assoluta indipendenza, e a ancor di più fuori dal mio controllo e da ogni mia volontà. Questo fa si che il mio lavoro rifletta costantemente sul concetto di equilibrio tra uomo-ambiente.”

“In questo caso la colata di resina è densa, scura, in altri casi più ambrata e trasparente. E’ un effetto voluto, che riesco a calibrare ed a controllare fino ad un certo punto, separando le resine chiare (quelle più recenti) da quelle scure (più datate), riuscendo così a mantenere i colori dell’ambra e quindi una determinata tipologia di pittura delle opere.”

“Il tronco per la realizzazione dell’opera dovrà avere dimensioni, forme e colori che corrispondano esattamente all’idea che ho in testa per poter realizzare quell’opera! La scelta del materiale non è semplice perché ovviamente non si tratta di entrare in un negozio e scegliere ciò che più ti aggrada.”

“Nella lavorazione non è tutto così sincronizzato e meditato nei minimi particolari… i tempi di incubazione di un progetto sono qualcosa che ti appartiene da sempre, e che giorno dopo giorno matura e si concretizza fino a che tutte le condizioni ideali per la realizzazione, la produzione, l’allestimento non convergono tutte assieme, allora diventa il momento giusto per poter focalizzare l’attenzione proprio su quel progetto, anziché un altro.”

Vuoi tutelare le tue opere con Project Marta?

CONTATTACI