Vuoi creare il tuo archivio con Project Marta?

Contattaci

Giorgio Griffa

Giorgio Griffa è nato nel 1936 a Torino, dove vive e lavora.

Negli anni Sessanta dell’Arte Povera torinese, dopo un decennio di pratica pittorica figurativa, Griffa si avvicinò alla pittura astratta a cominciare dalla frequentazione della scuola di pittura di Filippo Scroppo, anche se la sua vera formazione avvenne a contatto con gli artisti della sua generazione, che conobbe anche grazie ad Aldo Mondino. Tra il 1967 ed il 1968 Griffa ha impostato le basi del suo fare pittorico e delineato un proprio linguaggio, che ancora oggi caratterizza la sua pratica: il supporto – tela o carta – viene disposto su un piano, pronta ad accogliere il segno ad acrilico, tempera o acquerello, stemperati in acqua. Spesso lavora sul pavimento, per evitare che il colore molto fluido coli verso il basso, controllandone così il segno, tracciato con il pennello o con la spugna. Man mano la tela cessa quindi di essere legata alla realizzazione di un’immagine compiuta e diventa un luogo dove trovano spazio una traccia, una linea, i segni. Come ha detto lo stesso Giorgio: “Mi sono reso conto che la cosa che più mi intrigava in quegli anni era il fatto che loro lavoravano sull’intelligenza della materia — ponevano cioè le basi perché fosse la materia stessa con la sua intelligenza a eseguire il lavoro — e io credevo nell’intelligenza della pittura. Mi limitavo ad appoggiare il colore sul supporto”.

Griffa espose per la prima volta nella galleria di Gian Enzo Sperone nel 1969, cominciando a frequentare sempre più assiduamente lo spazio e gli altri artisti ad esso collegato.

I lavori di Giorgio Griffa sono stati esposti in numerose mostre personali e collettive in Italia e all’estero, tra cui segnaliamo Prospect 1969 (Städtische Kunsthalle, Düsseldorf, 1969); Processi di pensiero visualizzati – Junge Italianische Avantgarde (Museo di Lucerna, 1970);  Prospect 1973 (Städtische Kunsthalle, Düsseldorf, 1973); Contemporanea (Villa Borghese, Roma, 1973); Geplante Malerei (Westfalischer Kunstverein, Münster, 1974); la sala personale alla 39°Biennale di Venezia nel 1980; Informale in Italia (GAM, Bologna, 1983); Astratta (Palazzo Forti,Verona, 1988); Astratta (Palazzo della Permanente, Milano, 1988); Aspetti della Pittura Italiana dal Secondo Dopoguerra ad oggi (Museo di Belas Artes, Rio de Janeiro, 1989); Aspetti della Pittura Italiana dal Secondo Dopoguerra ad oggi (M.A.S.P., Sao Paulo, 1989); Giorgio Griffa (Pinacoteca Comunale, Ravenna, 1991); Pittura Italiana da Collezioni Italiane (Museo di Rivoli, 1997); Uno e Due (Galleria d’Arte Moderna, Torino, 2001); Uno e Due (Galleria d’Arte Moderna, Torino, 2002); Giorgio Griffa (Institute Mathildenhöe, Darmstadt, 2005); Canone Aureo – Golden ratio (MACRO, Roma, 2010); Fragments 1968-2012 (Casey Kaplan Gallery, New York, 2012); Danza dei neuroni (Galleria Lorcan O’Neill, Roma, 2014); Giorgio Griffa (Douglas Hyde Gallery, Trinity College, Dublin, 2014); A retrospective 1968-2014 (Centre d’Art Contemporain, Genève, 2015); Painting in the fold (Bergen Kusthall, Bergen, 2015); The 1970’s (Casey Kaplan Gallery, New York, 2016); Works on paper (Fondazione Giuliani, Roma, 2016); Giorgio Griffa (Fondation Vincent Van Gogh Arles, Arles, 2016); Quasi tutto (Fundação de Serralves, Porto, 2016); Paintings 1970-1917 (Galleria Lorcan O’Neill, Roma, 2017); Works 1972-1983 (Annemarie Verna Gallery – Zurich); The 1980’s (Casey Kaplan Gallery, New York, 2018); A continuous becoming (Camden Arts Center, London, 2018).

 

Opere di Giorgio Griffa

CANONE AUREO 894

Giorgio Griffa
2017  

Senza titolo

Giorgio Griffa
1975  

Vuoi tutelare le tue opere con Project Marta?

CONTATTACI